Legata al consumo della foglia di betel, più comunemente chiamato pan, un astringente e digestivo naturale utilizzato nella sfera privata e nella ritualistica religiosa, domestica e pubblica, il contenitore d'argento, pandan, è di forma rettangolare con un coperchio leggermente ricurvo. Di probabile origine musulmana, l'equilibrato intreccio geometrico e l'elegante gioco cromatico degli smalti esaltano la qualità artistica del porta betel e confermano la tendenza della cultura Moghul di privilegiare le tecniche orafe più raffinate anche nella decorazione di oggetti che poco hanno a che fare con l'arte della gioielleria. La decorazione floreale incisa è incorniciata da un elemento geometrico che segue il perimetro di ogni lato del contenitore. Al vertice del pandan, un fiore di loto dischiuso si eleva e funge da presa per il coperchio incernierato. Al centro, il fiore ha incastonato una pietra semipreziosa.

www.ethnologica.com