Altare jain, fusione di cera a perdere. La figura al centro è Parsvanatha seduto in posizione di esternazione sul simhasana, il trono dei leoni. Parsvanatha è rappresentato  sotto Dharanendra, suo yaksha e re dei serpenti. Il rettile a sette teste tutela la sua meditazione. Ai lati del trono leonino si scorgono due figure sedute. Quella femminile corrisponde a Padmavari, consorte di Dharanendra e l'altra a quella di Samvara. Parsvanatha è fiancheggiato da quattro Jina, due eretti e due in posizione di loto o padmasana. Al vertice della rappresentazione, due gandharva in volo sono ai lati di un tarchiato gana, l"attendente nano che regge la ruota della legge, il simbolo dell'insegnamento del Jina. L"iscrizione sul retro reca: "Sanwat 12..”.

Parsvanatha è il penultimo Tirthankara e precede di circa 250 anni Mahavira, l'ultimo dei ventiquattro.

www.ethnologica.com