Il katār ha una lama di damasco wootz robusta, diritta a profilo triangolare e taglio a doppio filo; la punta è rinforzata. Al tallone, su entrambi i lati, è ricavato dal pieno un registro triangolare in cui si riconosce un'immagine della dea Durga a quattro braccia e armata, a basso rilievo con particolari in oro ad agemina la cui origine è un fiore che sboccia da un traliccio floreale che termina a punta. In prossimità del manico e sovrastanti la divinità a quattro braccia, sono visibili dei boccioli, forse degli iris. Il manico consiste in due barre di ferro parallele che si estendono dietro la linea della lama e che terminano lievemente a punta. La loro forma è curvata e il bordo perimetrale è ornato da bulbi in sequenza realizzati a traforo. Due traversi arcuati si fronteggiano collegando le barre, fungendo da impugnatura e proteggendo la mano di chi lo indossa. La superficie interna ed esterna del manico è ornata di motivi floreali, vegetali e geometrici in oro realizzati con la tecnica koftgari. Il fodero di legno è rivestito di velluto marrone.

www.ethnologica.com