elenco categorie> Tour in ... Forlì e provincia>
Fiori: Natura e Simbolo dal Seicento a Van Gogh
Musei San Domenico, Forlì, dal 24 gennaio al 20 giugno 2010


Dopo la mostra sul Canova, Forlì si prepara ad ospitare una mostra tutta dedicata ai fiori. A partire dal dipinto della "Fiasca fiorita" ancora di dubbia attribuzione (le ipotesi oscillano tra Caravaggio e Cagnacci), verranno raccolte opere incentrate sul tema dei fiori di pittori illustri come Rembrandt, Cagnacci, Gentileschi, Dolci, Delacroix, Hayez, così come Monet, Manet, Cezanne, Renoir, fino a Van Gogh. Verranno ripercorsi tre secoli di pittura che ha per protagonista l'elemento floreale, con il suo rilievo simbolico e la sua intensità. La mostra intende "narrare" la storia della pittura dei fiori, creando un percorso che va dal Naturalismo caravaggesco di fine ‘500, alle valenze simboliche della natura del Romanticismo, Realismo, Impressionismo fino al Simbolismo. Ma l'esposizione cercherà di approfondire l'elemento floreale anche all'interno delle avanguardie storiche alle soglie del XIX secolo. La mostra "Fiori: Natura e Simbolo dal Seicento a Van Gogh" sarà curata da Antonio Paolucci, Presidente del Comitato Scientifico del Museo San Domenico, da Daniele Benati, Fernando Mazzocca e Alessandro Morandotti.
"Arte Islamica. Dal Medioevo ad oggi: dagli Almoravidi all'Impero Ottomano"
A Cesena (FC) una serie di incontri a tema



"I Mongoli islamizzati, dall'invasione mongola all'Impero Mogol"
ciclo di incontri sul tema "Arte Islamica. Dal Medioevo ad oggi: dagli Almoravidi all'Impero Ottomano"
martedì 10 novembre 2009, alle ore 17,30

Sala Rossa del Centro Culturale S. Biagio, Via Aldini n. 24 a Cesena (FC)
Conversazione con Maria Grazia Maioli, archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Promosso dal FAI, Delegazione di Cesena, con il patrocinio del Comune di Cesena e di questa Soprintendenza
"L'Impero Ottomano e la conquista di Bisanzio"
ciclo di incontri sul tema "Arte Islamica. Dal Medioevo ad oggi: dagli Almoravidi all'Impero Ottomano"
martedì 17 novembre 2009, alle ore 17,30

Sala Rossa del Centro Culturale S. Biagio, Via Aldini n. 24 a Cesena (FC)

Conversazione con Maria Grazia Maioli, archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Promosso dal FAI, Delegazione di Cesena, con il patrocinio del Comune di Cesena e di questa Soprintendenza

"Istambul e il Palazzo del Topkapi"
ciclo di incontri sul tema "Arte Islamica. Dal Medioevo ad oggi: dagli Almoravidi all'Impero Ottomano"
martedì 24 novembre 2009, alle ore 17,30

Sala Rossa del Centro Culturale S. Biagio, Via Aldini n. 24 a Cesena (FC)
Conversazione con Maria Grazia Maioli, archeologa della Soprintendenza per i Beni Archeologici dell'Emilia-Romagna
Promosso dal FAI, Delegazione di Cesena, con il patrocinio del Comune di Cesena e di questa Soprintendenza
Canova. L'ideale classico tra scultura e pittura
Forlì, Musei San Domenico
Dal 25 gennaio al 21 giugno 2009

La Fondazione Cassa dei Risparmi di Forlì dà vita alla mostra "Canova. L'ideale classico tra scultura e pittura”. Curata da Antonio Paolucci, Fernando Mazzocca e Sergéj Androsov e con l"allestimento di Wilmotte e Alessandro Lucchina, la grande rassegna sarà ospitata dai Musei San Domenico a partire dal 25 gennaio 2009. Forlì e la Romagna, luoghi fondamentali per Canova e per il neoclassico in pittura e scultura, saranno al centro della più impegnativa e completa esposizione sino ad oggi dedicata al maestro veneto, dopo quella di Venezia del 1992. Si potranno ammirare 160 opere dalla scultura alla pittura, proponendo alcuni nobili confronti con Raffaello e Tiziano, e altri capolavori di quel "classico” che fu fonte di ispirazione per molti artisti tra l'ultimo Settecento e il primo Ottocento. La grandezza di Canova, già in vita celebrato come il più grande scultore di tutti i tempi per avere riportato nel mondo la perfezione della scultura greca, sarà testimoniata da prestiti assolutamente eccezionali come i due colossali Pugilatori dei Musei Vaticani, ispirati ai due Dioscuri del Quirinale, la Venere Italica di Palazzo Pitti, la dea moderna tanto amata da Foscolo e la Maddalena, capolavoro per il quale Canova trovò ispirazione in Tiziano.
Nel corso della mostra sarà visibile il video ufficiale della mostra sul Canova. La troup televisiva coordinata dai registi T. Lepri e E. Osser ha ripreso anche la corte del Palazzo sede di Ethnologica. Quale migliore opportunità per completare la visita!
indietro
© Ethnologica 2008 - Credits
Palazzo Paolucci de Calboli, Via Piero Maroncelli 19, 47100 Forlì FC Italy T. +39 0543 22990 F. +39 0543 33449 - P. IVA/C.F. 03151630401